Tariffe Logopedia

in vigore dal 2020


Dott.ssa Silvia Cerri
Partita Iva 13019520157
Verifica la pagina delle CONVENZIONI per sapere se puoi usufruirne.
Prestazioni sanitarie esenti IVA (DPR 647/72) e assoggettate dall’emittente all’imposta di bollo di €2,00 se di valore superiore ad €77,47

Consulenza via email. Info 

gratuita


Colloquio anamnestico genitori [senza presenza del bambino] – 30′ *

gratuita


Seduta disturbi del linguaggio/apprendimento – 45′ *

€ 55,00


10 sedute disturbi del linguaggio/apprendimento da 45′ *

€ 500,00


Seduta deglutizione atipica – 30′ *

€ 50,00


10 sedute deglutizione atipica da 30′ *

€ 450,00


Seduta riabilitazione corde vocali – 30′ *

€ 50,00


10 sedute riabilitazione corde vocali da 30′ *

€ 450,00


Valutazione logopedica con relazione

€ 60,00


Produzione certificati e relazioni

€ 45,00


Riunioni d’equipe esterne allo studio**

€ 60,00


* La durata delle terapie è indicativa e può essere soggetta a modifiche da parte della Logopedista che valuterà i singoli casi clinici.

**La prima gratuita per i pazienti in trattamento presso lo studio.

N.B.: in caso di impedimento l’appuntamento deve essere disdetto con un anticipo di 24 ore. In caso contrario sarà applicata una tariffa corrispondente al 50% del tariffario.
In caso di trasferte superiori ai 20 Km verrà addebitata una tariffa media di 20 centesimi al chilometro oltre eventuali spese di pedaggi autostradali e di sosta.

INFORMATIVA SULL’OPPOSIZIONE ALLA TRASMISSIONE DEI DATI DELLE SPESE SANITARIE AL SISTEMA TESSERA SANITARIA

Il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 22 novembre 2019 pubblicato su G.U. n. 284 del 04/12/2019 ha introdotto l’obbligo anche per i Logopedisti di inviare al Sistema Tessera Sanitaria (S.T.S.) i dati delle spese sanitarie sostenute dai pazienti. I dati raccolti verranno trasmessi dal Sistema Tessera Sanitaria all’Agenzia delle Entrate al fine di predisporre il modello 730/Unico precompilato. Ai sensi del Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 31 luglio 2015 e dei successivi Provvedimenti dell’Agenzia delle Entrate del 31 luglio 2015 e 29 luglio 2016, il paziente può esercitare il diritto di opposizione alla comunicazione dei propri dati da parte del professionista al Sistema Tessera Sanitaria prima dell’emissione della fattura, tramite esplicita richiesta verbale da annotarsi in fattura a cura del professionista. Qualora il paziente non esprima oralmente la sua opposizione all’invio dei dati, il professionista provvederà a comunicare i dati della fattura al S.T.S. secondo le modalità e nei termini previsti dalla legge.